Paccheri, baccalà, crema di fagioli azuki e germogli di fagioli mung

pasta senza glutine con baccalà e crema di fagioli azuki

Ultimamente latito un po’ ai fornelli … l’estate si avvicina e, con lei, l’ineluttabile necessità di eliminare qualche strato di vestiti e scoprire le nostre (leggi mie) morbide forme! Rabbrividisco all’idea di mostrare le braccia, che ormai da anni non superano la prova sale (la prova costume non la prendo neanche in considerazione). Sì, avete presente quel movimento repentino dall’alto verso il basso necessario per erogare una seppur minima quantità di sale da un salino immancabilmente intasato? E quando hai terminato l’operazione ti rendi conto della rilassatezza muscolare che contraddistingue il tratto gomito-spalla che non ha ancora smesso di “ballare”! Tutto ciò per dire che sto tentando (invano, ahimè) di limitare l’assunzione di cibo e, di conseguenza, mi tengo alla larga dalla cucina! I contest sono un modo per risvegliarmi da questo torpore culinario, perché se qualcuno mi lancia una “sfida” io proprio non so resistere! L’ultimo che mi ha stuzzicato è “il pacchero solitario” indetto dal blog celiacaperamore.it, in cui lo scopo è quella di dare nuova vita a questo formato di pasta molto amato, qui in versione senza glutine.

 

Ingredienti per 4 persone :

 

  • 250 g di paccheri senza glutine de La Fabbrica della Pasta Senza Glutine
  • un trancio di baccalà già ammollato
  • 200 g di fagioli azuki
  • germogli di fagioli mung (meglio noti come germogli di soia … ma fa molto meno figo!)
  • 1 foglia d’alloro
  • 1 rametto di rosmarino
  • 1 spicchio d’aglio
  • olio extravergine d’oliva
  • sale
  • pepe

 

Preparazione :

 

  • lasciare i fagioli azuki in ammollo in acqua a temperatura ambiente per almeno 8 ore
  • mettere i fagioli in una pentola capiente con una foglia di alloro, coprire abbondantemente con acqua fredda e mettere sul fuoco
  • cuocere per circa 30 minuti dal bollore
  • scolare i fagioli, condire con sale e pepe e frullare aggiungendo olio a filo e un po’ di acqua di cottura, fino a raggiungere la consistenza desiderata
  • assaggiare il baccalà e, se dovesse risultare ancora troppo salato, lasciarlo dissalare immerso in acqua fredda per almeno mezz’ora
  • asciugarlo bene tamponando con della carta da cucina
  • tagliare a fette sottili il baccalà, condirlo con olio e pepe e lasciare riposare fino al momento dell’utilizzo
  • sciacquare i germogli sotto l’acqua corrente e asciugarli
  • cuocere i paccheri in abbondante acqua salata
  • in una padella capiente versare un filo d’olio, aggiungere l’aglio e il rosmarino e lasciare insaporire bene
  • scolare i paccheri e farli saltare nell’olio aromatizzato aggiungendo un po’ di acqua di cottura
  • versare nel piatto un mestolo di crema di fagioli calda, disporre in modo ordinato i paccheri, quindi aggiungere qualche fettina di carpaccio di baccalà (tamponando l’olio in eccesso) e i germogli

 

 

ricetta paccheri senza glutine

 

 

 

Condividi la ricetta: